Gallery fotografica della mostra “Fragili tesori”, una piccola storia della porcellana italiana dentro una collezione europea


Rinnovato da poco negli allestimenti, il Museo d’arte orientale di Trieste, aperto nel 2001 per valorizzare le importanti collezioni pervenute ai musei soprattutto grazie ai fitti rapporti di commerci marittimi che la città ha intrattenuto con l’Estremo Oriente, si propone ora come punto di riferimento e vetrina per quel collezionismo di nicchia che ha costituito raccolte conosciute e apprezzate in Europa ma è pochissimo noto ai triestini